La storia
Wildlife Art
Hanno Scritto
Rassegna Stampa
Pubblicazioni
Comunicati stampa
Wildlife Art

Wild
S
e guardo sul dizionario, l'aggettivo "Wild" si riferisce a molte cose: tribù primitive, animali, bestie, fiori, luoghi.
Prima di tutto ciò che è "selvatico" ha a che fare con la natura: se vado oltre, leggo che il termine si riferisce anche agli esseri umani, in modo specifico alle caratteristiche del volto, ai capelli, agli occhi.
"
Wild" è definito come qualcosa d'incontaminato, ma anche di incontrollato, in senso fisico e simbolico.
Puoi sentire la chiamata della natura ogni momento nella tua vita se sei connesso con la tua natura più profonda e istintuale, con il desideio di andare oltre la vita ordinaria.
Tutti abbiamo a che fare con questa parte istintuale, specialmente quando parliamo di ispirazione artistica: gli artisti catturano e traggono forza da ciò che è anticonvenzionale e emozionante ed evocano tale energia, attingendola come carburante dal profondo nucleo della terra.
Possiamo pensare questo concetto espandendo il suo significato in modo simbolico, come corpo dei sogni, visione e illimitata sorgente vitale che è l'anima e l'essenza della mente umana.
La mente è "selvatica" in quanto è difficile tenerla sotto controllo, è come un cavallo pazzo o una scimmia.
E' un terrificante globo di energia, è un fuoco che non puoi mai spegnere.
Gli artisti hanno l'opportunità di confrontarsi con questa dimensione che d'altronde appartiene a tutti gli esseri umani.
Nel passato gli artisti, hanno espresso le loro visioni dell'apocalittico e di tutti quegli aspetti della forza della natura, incluso il concetto di peccato.
Poesia, musica, letteratura, azioni sceniche e performances: tutta l'energia selvaggia si è poi manifestata attraverso gli artisti nelle diverse discipline, in modo da rifiutare il senso di repressione, le inibizioni e le paure.
Lo scopo era ed è la libertà.
S
entendo il ruggito della tigre dentro di noi possiamo scappare, oppure trovare un luogo dove far sentire la sua voce.
Paradiso e inferno, visioni del bene e del male: la natura selvaggia attinge la sua forza dalla vita, dal naturale ordine dell'universo.
" Tigre, Tigre, che bruci luminosa nelle foreste della notte, quale immortale mano o occhio ha potuto forgiare la tua orribile simmetria?" scrisse Blake nella poesia "La Tigre", e ancora in "Visioni" esclamò: "Alzatevi e bevete la vostra felicità perchè ogni cosa che vive è sacra!"
Attraverso questa pura visione, e se il nostro cuore è aperto, possiamo vedere il paradiso anche in un fiore selvatico.

Stefania Carrozzini
Critico d'arte, giornalista, inviata speciale per gli Stati Uniti della rivista D'ARS



Cos'è la Wildlife Art
L
a Wildlife Art è una tendenza artistica variegata che raccoglie un sempre maggior numero di esponenti, sia tra gli artisti che tra il pubblico
Gli artisti che si riconducono a questa corrente hanno in comune la volontà di rendere,attraverso testimonianze il più possibile realistiche, le forme e le immagini di tutti gli animali.
Il realismo delle loro opere è così estremo che spesso si fatica a distinguerle dalle riproduzioni fotografiche.
Ad un esame più approfondito, tuttavia, ci si rende conto di come tali dipinti testimonino l' entusiasmo degli artisti nei confronti della natura stessa.
La precisione e la meticolosità delle loro opere, infatti è data dalla passione nei confronti della natura, dalla convinzione che ogni dettaglio esprima ARTE, intesa come testimonianza della natura selvaggia ed incontaminata.
L'arte, secondo questi artisti, non può che essere contemplazione e imitazione della natura.
Le avanguardie, di conseguenza, vengono ripudiate a favore di un forte conservatorismo, che non è tuttavia chiusura, ma fedeltà alla natura stessa e continua ricerca tesa al miglioramento dell' imitazione.
Le opere della Wildlife Art potrebbero di conseguenza essere definite dei Tromp l'oeil naturali, dal momento che ingannano l'occhio dello spettatore e propongono alla società un nuovo rapporto con la natura, fondato sulla contemplazione e il rispetto.

G.A.

 copy by Gianluigi Alberio ,oggi info@gianluigialberio.it